Gestire feature layer ospitati

Determinate impostazioni possono essere modificate su un Feature Layer hosted (o una tabella), mentre altre sono impostate su singoli layer nell'hosted feature layer. La sezione seguente descrive il modo in cui il proprietario di un layer o un amministratore possono gestire le impostazioni per un Feature Layer hosted e i layer in esso contenuti.

Suggerimento:

Quando si abilitano le seguenti impostazioni, chiunque possa accedere all'hosted feature layer può utilizzare le funzionalità previste dalle impostazioni. Tenere in considerazione questo aspetto quando si condivide il layer.

  • Abilita la sincronizzazione (necessario per l'uso e la collaborazione offline): usa un feature layer ospitato offline o in una collaborazione.
  • Permetti agli utenti di esportare in formati diversi: esporta i dati dal feature layer ospitato.
  • Abilita allegati: aggiunge allegati alle feature nei feature layer ospitati.

Tenere anche in considerazione che se si condivide un hosted feature layer con un gruppo di aggiornamento condiviso, i membri dei gruppi possono gestire molte delle impostazioni sul layer.

Modificare qualsiasi impostazione o dettaglio descritto di seguente causa l'alterazione dello schema del layer ospitato. La data Schema aggiornato presente nelle schede Panoramica e Dati della pagina dell'elemento della tabella ospitata ospitato si aggiorna quando lo schema cambia. L'aggiunta di dati al feature layer non altera lo schema del layer, ma ne modifica il contenuto, aggiornando la data di Dati aggiornati.

Rinominare layer

È possibile modificare il nome degli elementi e dei layer del feature layer hosted all'interno dei feature layer hosted.

La modifica dei nomi dei layer in un feature layer hosted non influisce sui nomi in qualsiasi layer hosted o vista dipendente. Analogamente, la modifica del nome dell'elemento del layer dipendente o dei nomi dei layer nel layer dipendente non cambia i nomi nel feature layer hosted di origine.

  1. Accedere all'organizzazione come proprietario del Feature Layer hosted o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Rinominare il layer.
    • Per rinominare l'hosted feature layer, fare clic sul pulsante Modifica accanto al nome del layer nella scheda Panoramica.
    • Per rinominare un sublayer, aprire la pagina degli elementi facendo clic sul nome del layer nell'elenco Layer della scheda Panoramica e fare clic sul pulsante Modifica accanto al nome del sublayer.
  4. Digitare un nuovo nome per il layer e fare clic su Salva.

Gestione delle impostazioni per la modifica

In qualità di proprietario di un feature layer ospitato, o di amministratore, è possibile modificare le impostazioni nel feature layer per decidere chi può modificare e quali modifiche possono effettuare. Ci sono anche altri fattori che influenzano questo aspetto. Vedere Gestire la modifica dei feature layer ospitati per informazioni su tutte le impostazioni e i fattori che influenzano chi può modificare un feature layer ospitato.

Esistono due impostazioni di modifica che utilizzano un registro delle modifiche, gestibile rimuovendo le entrate più vecchie, come descritto di seguito.

Gestione della dimensione del registro delle modifiche

Quando si abilita l'opzione Abilita la sincronizzazione (necessario per l'uso e la collaborazione offline) o Tieni traccia delle modifiche ai dati (aggiungere, aggiornare, rimuovere feature) sul feature layer ospitato, ArcGIS Online archivia le informazioni sulle modifiche dei dati e versioni offline in un registro delle modifiche. Questo registro aumenta di dimensioni man mano che le modifiche si accumulano. Per evitare costi di crediti associati ad un registro troppo grande è possibile regolarlo.

Per ogni feature layer avente una di queste opzioni abilitate, è possibile specificare un numero di giorni per il quale conservare le modifiche. Qualsiasi modifica effettuata o versione aggiornata offline o condivisa in una collaborazione più vecchie del numero di giorni specificato verranno rimosse.

Attenzione:

Non svuotare il registro se ci sono collaborazioni non sincronizzate o modifiche offline condivise in una collaborazione o eseguite offline durante il periodo di tempo che verrà eliminato dalla tabella. Per esempio, se è stato condiviso un feature layer modificabile in una collaborazione 100 giorni fa e le modifiche di quella collaborazione non sono state sincronizzate, è possibile eliminare i record più vecchi di 180 giorni, ma non eliminare i record più vecchi di 30 o 90 giorni. Allo stesso modo, se il feature layer è stato modificato offline 40 giorni fa e non è stato sincronizzato, è possibile eliminare i record più vecchi di 90 o 180 giorni, ma non eliminare i record più vecchi di 30 giorni.

Inoltre, se il layer partecipa in una area di mappa offline, considerare quando il pacchetto di download associato del layer è stato aggiornato l'ultima volta. Per evitare di dover ricreare le aree della mappa, scegliere un periodo di conservazione che includa la data in cui è stato aggiornato il pacchetto di download. Per esempio, se il pacchetto di download è stato aggiornato 38 giorni fa, non eliminare i record più vecchi di 30 giorni, poiché ciò impedirà all'area della mappa di aggiornarsi e sincronizzarsi quando viene scaricata.

Se tutte le opzioni che usano il file di registro sono disabilitate, per esempio sia Abilita la sincronizzazione (necessario per l'uso e la collaborazione offline) e Tieni traccia delle modifiche ai dati (aggiungere, aggiornare, rimuovere feature) vengono entrambe disabilitate, o viene disabilitata sono Abilita la sincronizzazione (necessario per l'uso e la collaborazione offline), tutti i record vengono rimossi dal file di registro.

  1. Accedere all'organizzazione come proprietario del Feature Layer hosted o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Fare clic sulla scheda Impostazioni.
  4. Scorrere fino alla sezione Impostazioni Layer Feature (Ospitato) e cliccare Gestisci registro delle modifiche.

    Appare la finestra Gestisci registro delle modifiche.

  5. Usare l'elenco a discesa per specificare il numero di giorni per il quale conservare le registrazioni delle modifiche.

    I record più vecchi del numero di giorni specificato verranno rimossi dal registro.

  6. Cliccare Svuota il registro delle modifiche.

Consentire esportazioni di dati

In qualità di proprietario di un feature layer ospitato o di amministratore, è possibile esportare da qualsiasi layer in un file con valori separati da virgole (.csv), in un file Microsoft Excel, in uno shapefile, in una feature class di un geodatabase, in un file GeoJSON, in una raccolta di feature, in un file .kml o in un file Open Geospatial Consortium (OGC) GeoPackage. È anche possibile configurare un feature layer opitato per consentire ad altri utenti di esportare dati dal layer stesso quando accedono al layer inArcGIS Online.

Suggerimento:

Se pubblichi un feature layer ospitato da ArcGIS Pro, è possibile configurare il feature layer per consentire le esportazioni dei dati al momento della pubblicazione.

Quando utenti diversi dal proprietario o dall’amministratore eseguono un’esportazione da una vista del Feature Layer hosted cui sono applicate definizioni di campo o feature, il file esportato contiene solo i campi o le feature consentiti dalla definizione. Quando è il proprietario o l'amministratore ad eseguire l'esportazione, le definizioni non verranno applicate e il file esportato contiene tutti i campi e tutte le feature.

Attenersi alla procedura seguente per consentire agli altri utenti di esportare da un feature layer hosted o una vista del feature layer hosted quando accedono al layer in ArcGIS Online:

  1. Accedere all'organizzazione come proprietario del Feature Layer hosted o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Fare clic sulla scheda Impostazioni.
  4. Scorrere fino alla sezione Impostazioni feature layer.
  5. Fare clic suConsenti ad altri utenti di esportare in formati diversi e fare clic su Salva.

Ora altri membri dell'organizzazione possono esportare dal Feature Layer hosted.

Nota:

Questa impostazione non incide sulla possibilità delle persone di esportare dati dal servizio sottostante. Anche se non si abilita questa impostazione di esportazione sul feature layer, chiunque acceda a questo layer in altri client, come ArcGIS Pro o le app personalizzate, può esportare dati dallo stesso.

Consentire allegati

È possibile consentire agli editor di allegare immagini ed altri file alle singole feature in un layer all'interno di un Feature Layer hosted. In tal modo è possibile associare documentazione e foto a feature specifiche pertinenti. Ad esempio, un addetto alla conformità dei codici può allegare una foto della violazione del codice per un punto di indirizzo specifico o un ispettore edile può includere un PDF di una licenza per la feature di un edificio.

Ciascuna vista dell’hosted feature layer eredita l'impostazione relativa agli allegati dell’hosted feature layer da cui è stata creata. Per impostazione predefinita, tutti gli utenti della vista possono vedere gli allegati ereditati dall’hosted feature layer. Per controllare chi ha accesso a questi allegati, è possibile nascondere gli allegati nella vista dell’hosted feature layer.

La dimensione massima di ogni file che è possibile allegare ad una feature è 10 MB. Per allegare file più grandi di 10 MB, è possibile utilizzare le operazioni Carica parte e Aggiungi allegato da ArcGIS REST API per eseguire un caricamento in più parti.

Per un elenco dei tipi di file che è possibile allegare, consultare Modificare le tabelle.

Attenersi alla procedura seguente per consentire agli utenti di allegare file alle feature in un layer di un Feature Layer hosted:

  1. Abilita modifica sul Feature Layer hosted.

    Se non si abilita la modifica, gli utenti non possono aggiungere allegati al layer.

  2. Mentre si è ancora connessi all'account ArcGIS Online, aprire la pagina dei dettagli del Feature Layer facendo clic sul layer nella scheda I Miei Contenuti della pagina dei contenuti.
  3. Clicca sul nome del layer nell'elenco Layer nella scheda Panoramica per aprire la sua pagina dei dettagli.
  4. Fare clic sul pulsante di selezione Abilita allegati.

A questo punto, gli altri che modificano il layer possono allegare file a singole feature.

Se si decide di non consentire più che vengano allegati file al layer, aprire la pagina dei dettagli del sublayer e disabilitare il pulsante di selezione accanto a Abilita allegati. Tenere presente, tuttavia, che in questo modo tutti gli allegati esistenti vengono rimossi dal layer e si impedisce agli utenti di aggiungerne altri.

Nascondere gli allegati nelle viste

Nascondere gli allegati nelle viste degli hosted feature layer nel caso in cui un sottogruppo di utenti necessiti di accedere agli attributi delle feature ma debba o non abbia bisogno di accedere agli allegati.

Ad esempio, se l'allegato contiene informazioni riservate che devono essere visualizzate solo da pochi membri dell'organizzazione, condividere l’hosted feature layer con un gruppo composto da tali membri. Creare una vista dell’hosted feature layer dal layer, nascondere gli allegati e condividere la vista con un pubblico più ampio.

Attenersi alla procedura riportata di seguito per nascondere gli allegati nei singoli layer in una vista dell'hosted feature layer:

  1. Effettuare l'accesso all'organizzazione come proprietario della vista dell'hosted feature layer o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento per la vista dell'hosted feature layer.
  3. Individuare l'elenco Layer sulla scheda Panoramica e fare clic sul layer con gli allegati da nascondere.
  4. Fare clic sul selettore Nascondi allegati per impedire agli utenti della vista dell'hosted feature layer di accedere agli allegati su tale layer.
  5. Ripetere i passaggi 2 e 3 per ogni layer che presenti allegati per i quali si desidera impedire l'accesso agli utenti attraverso la vista.

Se si decide che gli utenti della vista hanno bisogno di accedere agli allegati di uno o più layer, fare clic sul link Mostra allegati sotto i rispettivi layer nella scheda Panoramica della pagina dei dettagli della vista dell’hosted feature layer.

Ottimizzare il disegno di linee e poligoni complessi

Se il feature layer ospitato include layer linea o poligono contenenti un numero elevato di vertici ed è spesso visualizzato in scale piccole o medie, è possibile ottimizzare questi layer per migliorare i tempi di disegno nei client Web. Ad esempio, un ottimo candidato per l'ottimizzazione è un layer che contiene confini del codice postale per uno stato o regione di grandi dimensioni. Potrebbe essere necessario visualizzare i codici postali in scale piccole o medie per visualizzare tutti i codici postali contemporaneamente, nonché eseguire lo zoom avanti per visualizzare confini dettagliati su scale grandi. L'ottimizzazione di tale layer incrementa le prestazioni su scale piccole e medie mantenendo il livello di dettaglio su scale più grandi.

L'ottimizzazione dei layer utilizza spazio di archiviazione aggiuntivo e i layer non possono essere modificati finché il processo di ottimizzazione del layer non è completato. L'archiviazione di feature richiesta per i layer ottimizzati aumenterà; tuttavia, i miglioramenti delle prestazioni possono essere sostanziali per i client Web. Se si decide che i tempi di disegno migliorati non sono necessari, è possibile disabilitare l'ottimizzazione. Questo rimuove immediatamente l'archiviazione extra (riduce la dimensione del Feature Layer hosted) e non comporta ulteriori costi per l'archiviazione aggiuntiva. La dimensione del Feature Layer hosted è visibile nella scheda Panoramica della pagina degli elementi del layer.

Nota:

Le Viste del Feature Layer hosted ereditano l'impostazione di ottimizzazione del disegno dal Feature Layer hosted da cui sono create; non è possibile configurare questa impostazione nelle viste in modo indipendente. Per abilitare l'ottimizzazione del disegno sulle viste che contengono linee o poligoni, modificare l'impostazione del feature layer in hosting da cui è stata creata la vista.

Se un feature layer in hosting contiene una feature poligonale o lineare che include più di 500.000 vertici, l'ottimizzazione del disegno sarà abilitata per impostazione predefinita.

Per avere un'idea dei miglioramenti delle prestazioni di visualizzazione, utilizzare i seguenti collegamenti per confrontare lo stesso layer di tutti i confini di contea negli Stati Uniti. Aprire i layer in due finestre dello stesso browser, aggiungere ciascuno al Map Viewer o al Map Viewer classico, eseguire lo zoom sui layer e fare una panoramica. Sebbene le prestazioni varino in base alla rete, le prestazioni di disegno sono notevolmente migliori sul layer ottimizzato.

Senza l'ottimizzazione del disegno sul layer, il feature layer in hosting ha una dimensione di 136 MB. Dopo l'ottimizzazione del layer, il feature layer in hosting è di 205 MB.

L'ottimizzazione risulta maggiormente utile per i layer di linee o poligoni che includono elementi che contengono molti vertici.

Tenere presente quanto segue durante le modifica o la sovrascrittura di layer ottimizzati:

  • Se si modifica o si sincronizzano le modifiche al layer mentre l'ottimizzazione è abilitata, le modifiche vengono automaticamente ottimizzate.
  • Quando il Feature Layer è modificabile nella mappa, il layer viene caricato senza ottimizzazione per garantire che sia presente il livello completo di dettaglio dei dati per la modifica.
  • Se non è necessario modificare i dati in una mappa specifica, disabilitare la modifica per il layer nella Web Map. Questo consente di sfruttare l'ottimizzazione del disegno nella mappa di sola visualizzazione, ma il layer può ancora essere modificato secondo necessità in altre mappe o app.
  • La sovrascrittura del layer disabilita l'ottimizzazione. Sarà necessario seguire i passaggi sottostanti per ottimizzare nuovamente i tempi di disegno sul layer.

Seguire questi passaggi per ottimizzare i tempi di disegno per un layer lineare o poligonale:

  1. Accedere all'organizzazione come proprietario del Feature Layer hosted o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Fare clic sulla scheda Impostazioni.
  4. Scorrere fino alla sezione Ottimizza disegno layer.

    Vengono elencati i layer nel layer feature hosted che hanno attualmente abilitato l'ottimizzazione del disegno.

  5. Fare clic su Ottimizza i layer.

    Viene visualizzata la finestra di dialogo Ottimizza il disegno del layer.

  6. Selezionare la casella accanto al layer che si desidera ottimizzato per il disegno e fare clic su Aggiorna.

    La finestra di dialogo Ottimizza il disegno del layer si chiude e viene visualizzato lo stato dell'aggiornamento nella scheda Impostazioni.

    Il processo di ottimizzazione può richiedere qualche minuto. La modifica è temporaneamente disabilitata sul layer finché l'ottimizzazione non è terminata.

Se in un secondo momento si decide che un layer non viene utilizzato molto e non richiede l'ottimizzazione del disegno, è possibile disabilitarlo. Per disabilitare l'ottimizzazione del disegno ripetere i passaggi da 1 a 3. Nel passaggio 4, deselezionare il layer per il quale si desidera disabilitare l'ottimizzazione del disegno e fare clic su Aggiorna.

Abilitare impostazioni temporali

Se si dispone di un Feature Layer hosted che registra informazioni diverse per la stessa posizione basate su data e ora, è possibile abilitare impostazioni temporali sui layer in un Feature Layer hosted. Una volta configurate le impostazioni e aggiunto il Feature Layer hosted a una mappa, è possibile configurare le impostazioni temporali sulla mappa e vedere cosa accade in un momento specifico o visualizzare modelli e tendenze che emergono mentre i dati cambiano nel tempo.

Sovrascrivere Feature Layer hosted

È possibile restituire tutti i dati in un feature layer ospitato pubblicato da uno dei seguenti tipi di file:

  • File geodatabase (compresso)
  • Shapefile (compresso)
  • File GeoJSON
  • File Microsoft Excel
  • File .csv
  • File OGC GeoPackage

Per sovrascrivere il feature layer ospitato con contenuti di un file aggiornato, carica un file di origine aggiornato. È necessario utilizzare lo stesso tipo di file di origine e lo schema nel file di origine deve corrispondere a quello usato al momento della pubblicazione del feature layer ospitato. Se il feature layer ospitato è stato pubblicato da un file su un'unità cloud, il file aggiornato deve risiedere sull'unità cloud.

Ad esempio, se il feature layer ospitato è pubblico e si desidera che non sia modificabile o se un altro reparto invia regolarmente aggiornamenti di dati in uno shapefile, è possibile sovrascrivere i dati nel feature layer ospitato utilizzando il file aggiornato. In tal modo si mantiene l'URL del layer, le proprietà impostate nelle schede Panoramica e Impostazioni della pagina degli elementi del feature layer ospitato, la simbologia e le configurazioni dei popup. Tuttavia, poiché sovrascrivendo il feature layer ospitato si ripubblica il servizio e si sovrascrive ogni layer presente nel feature layer ospitato, le impostazioni di campi quali valori univoci, valori predefiniti e valori null non consentiti non vengono conservati ed è necessario reimpostarli dopo aver sovrascritto il feature layer.

Quando si sovrascrivono i dati da un file di origine locale, sia i dati del file che quelli del Feature Layer hosted in ArcGIS Online vengono sostituiti con i dati del file di origine aggiornati. Se l'origine è uno shapefile con metadati o file geodatabase contenente classi di feature con metadati, ArcGIS Online aggiunge o sostituisce i metadati a livello del layer nell'hosted feature layer. Se il Feature Layer hosted è stato pubblicato da un'unità cloud, i dati si trovano nel cloud drive ma i dati nel Feature Layer hosted vengono sostituiti.

Se l'opzione per sovrascrivere il feature layer non è disponibile, il feature layer non può essere sovrascritto a causa di una delle condizioni seguenti:

  • Era stato pubblicato da un client diverso dal sito Web ArcGIS Online. Ad esempio, se è stato pubblicato il feature layer ospitato da ArcGIS Pro, è necessario sovrascrivere il servizio da ArcGIS Pro.
    Nota:

    Quando si sovrascrivono Feature Layer hosted da ArcMap, la definizione del servizio originariamente creata con il Web Layer deve esistere nell'organizzazione ArcGIS Online.

  • Era stato pubblicato da un file .csv prima del marzo 2014.
  • La Sincronizzazione è abilitata nel feature layer ospitato.
  • È una vista di feature layer ospitato anziché un feature layer ospitato. Per aggiornare i dati sia nella vista del Feature Layer hosted che nel Feature Layer da cui è stata creata, sovrascrivere il Feature Layer hosted e gli aggiornamenti si rifletteranno nella vista.
  • Hai abilitato il tracciamento delle modifiche ai dati nel layer.
  • Hai cancellato il file origine associato.
  • Hai aperto la finestra Aggiorna layer dai dettagli di un sublayer o dalla scheda Dati dell'elemento del feature layer ospitato.

Attenzione:

  • Tutte le modifiche apportate ai dati del feature layer ospitato vengono sostituite dai dati del file di origine aggiornato.
  • Nel file aggiornato devono essere presenti gli stessi campi e le stesse Feature Class (nel caso di file Geodatabase) del file originale. Ad esempio, se si elimina una Feature Class dal file Geodatabase o si aggiunge un campo a uno shapefile o una Feature Class, non eseguire la sovrascrittura.
  • Il nome file deve essere uguale al nome file originale. Se carichi un file geodatabase, i nomi dei file devono essere uguali a quelli del file caricato in origine.
  • Se sovrascrivi e gli schemi e i nomi di feature class non corrispondono, il feature layer e le mappe Web che utilizzano il feature layer potrebbero non funzionare nel modo previsto. Se lo schema dei dati di origine è stato modificato o desideri conservare le modifiche apportate ai dati nel feature layer ospitato, carica il file come nuovo elemento e pubblica un nuovo layer.
  • L'origine dati e il layer hosted devono essere di proprietà dello stesso account. Se si modifica il proprietario di uno dei due, modificarlo anche per l'altro. Altrimenti, non è possibile sovrascrivere il layer hosted.
  • Se si sono utilizzati indirizzi o luoghi per localizzare le feature quando si è pubblicato il layer per la prima volta, sovrascrivere il layer geocodifica tutti gli indirizzi o i luoghi nel file aggiornato. Ciò potrebbe utilizzare crediti a seconda della configurazione dell'organizzazione. Consultare il proprio amministratore ArcGIS Online in caso di domande su quale servizio sia utilizzato per geocodificare posizioni nella propria organizzazione. Durante la sovrascrittura si usa automaticamente il locator selezionato al momento della pubblicazione iniziale del layer.
  • Se hai modificato i dettagli di singoli sublayer, tali modifiche andranno perse quando sovrascrivi il feature layer ospitato da un file.
  • Il feature layer non sarà disponibile agli altri utenti per un breve periodo di tempo mentre il layer viene sovrascritto.

Segui questi passaggi per sovrascrivere un feature layer ospitato da un file:

  1. Accedere all'organizzazione come proprietario del Feature Layer hosted o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Fai clic su Aggiorna dati nella scheda Panoramica del feature layer ospitato.

    Viene visualizzata la finestra Aggiorna layer.

  4. Scegli Sovrascrivi intero feature layer.
  5. Se il feature layer ospitato è stato pubblicato da un file locale, fai clic su Avanti per specificare un file su disco. Usa uno dei seguenti metodi per scegliere il file e sovrascrivere il contenuto del feature layer ospitato:
    • Fai clic su Il tuo dispositivo, cerca e seleziona il file, quindi fai clic su Apri.
    • Trascina il file dal desktop o da Esplora file nella finestra Aggiorna dati.
  6. Se il feature layer ospitato è stato pubblicato da un file in un'unità cloud, fai clic su Accedi e sovrascrivi.

    Appena ti colleghi all'unità cloud, ArcGIS Online sovrascrive automaticamente il feature layer ospitato con contenuto del file di origine sull'unità cloud.

Aggiungere e aggiornare feature da un file

Il proprietario di un feature layer ospitato o un amministratore dell'organizzazione può utilizzare un file aggiornato per aggiungere feature a un layer in un feature layer ospitato esistente. Ciò consente di pubblicare i dati iniziali o persino un Feature Layer hosted vuoto e aggiungere più dati successivamente, non appena saranno disponibili, senza dover sovrascrivere l'intero Feature Layer hosted. Ad esempio, se si dispone di un numero di dipendenti che eseguono ispezioni sul campo e raccolgono informazioni in un file .csv o in un'app personalizzata che scrive in uno shapefile, è possibile ottenere il file da ciascun ispettore alla fine della giornata e aggiornare il Feature Layer hosted con i nuovi dati.

Se il file di aggiornamento contiene modifiche delle feature già pubblicate, è possibile utilizzare il file di input per aggiornare le feature esistenti. Ciò richiede che il layer e il file utilizzato per caricare gli aggiornamenti contengano un campo di valori univoci che ArcGIS Onlinepossa essere usato da per individuare la feature da aggiornare. È possibile definire un campo nel sublayer di un hosted feature layer come univoco dalla scheda Dati della pagina dei dettagli del layer. Dopo di ché, quando si aggiorna il layer, ArcGIS Online è possibile utilizzare quel campo come un identificatore.

Attenzione:

È necessario assicurarsi che i valori dei campi nel file di aggiornamento e nel layer identifichino correttamente e in modo univoco la feature da aggiornare. In caso contrario, potrebbe verificarsi una perdita dei dati quando un aggiornamento sovrascrive gli attributi per una feature esistente. L'aggiunta di feature aggiornate non riesce se si aggiornano risultati con valori non univoci in un campo identificato come univoco.

Quando si pubblica da un file .csv o Microsoft Excel che ha nomi campo con spazi, i nomi campo nel feature layer hosted hanno dei trattini bassi inseriti fra le parole. Quando si creano delle aggiunte o degli aggiornamenti è necessario inserire trattini bassi nei nomi del campo nel file; in caso contrario, i nomi del campo non saranno identici.

È possibile utilizzare i seguenti formati di file per aggiungere o aggiornare i dati:

  • Shapefile (compresso)
  • File CSV (.csv)
  • File Microsoft Excel
  • File geodatabase (compresso)
  • File GeoJSON (.geojson)
  • File OGC GeoPackage

Nota:

L'operazione di aggiornamento non elimina le feature. Per eliminare le feature utilizzando un file caricato, sovrascrivere il layer.

Se feature layer ospitato è abilitato per la modifica offline, è possibile aggiungere feature ma non aggiornarle.

È possibile aggiungere o aggiornare i campi di offset intero grande, solo data, solo ora o data/ora solamente da file geodatabase. Se il feature layer ospitato non contiene questi tipi di campo è possibile scegliere di mapparli in altri tipi come: data per i campi solo data, double per campi intero grande o un campo stringa per campi di offset data/ora.

Aggiungendo o aggiornando feature non si aggiungono o aggiornano allegati sul feature layer ospitato.

Attieniti alla procedura riportata di seguito per caricare un file per aggiungere o aggiornare feature in un feature layer ospitato:

  1. Accedere all'organizzazione come proprietario del Feature Layer hosted o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Fai clic su Aggiorna dati nella scheda Panoramica del feature layer ospitato.

    Viene visualizzata la finestra Aggiorna dati.

  4. Scegli una delle seguenti opzioni e fai clic su Avanti:
    • Aggiungi feature: inserisce nuove feature dal file nel feature layer oppure righe in un table layer.
    • Aggiorna feature: utilizza i valori nel file per aggiornare i valori degli attributi per le righe esistenti nel layer. Se il layer è un feature layer, puoi anche aggiornare le posizioni delle feature.
    • Aggiungi e aggiorna feature: esegue entrambe le azioni sopra descritte.
  5. Se il feature layer ospitato contiene più di un layer, scegli quello da aggiungere o aggiornare e fai clic su Avanti.
  6. Usa uno dei seguenti metodi per specificare il file aggiornato:
    • Fai clic su Il tuo dispositivo, cerca e seleziona il file, quindi fai clic su Apri.
    • Trascina il file dal desktop o da Esplora file nella finestra Aggiorna dati.
  7. Se il file è compresso, scegli il formato del file e dai clic su Avanti.
  8. Specifica i campi del file che corrispondono ai campi del layer e fai clic su Avanti.
  9. I passi rimanenti variano a seconda dell'opzione di aggiornamento scelta, del tipo di layer da aggiornare e del tipo di campi presenti nel file.
  10. Se aggiorni di dati, indica quali campi nel layer e nel file identificano in modo univoco ogni feature e riga e quali possono essere utilizzati per garantire che i dati corretti del file aggiornino la feature o riga corretta nel layer.
  11. Se il file contiene valori di data che memorizzano l'ora in un fuso orario diverso da UTC, scegli il fuso orario dal menu a discesa Selezione fuso orario.

    Questa opzione non è disponibile per i file OGC GeoPackage.

  12. Se aggiorni i dati in un feature layer, scegli una delle seguenti opzioni:
    • Solo attributi: aggiorna solo i valori di attributi non spaziali.
    • Geometrie e attributi: aggiorna valori spaziali e non spaziali.

    Nota:

    Se scegli l'opzione Aggiungi e aggiorna feature, le feature aggiunte contengono sempre sia attributi che geometrie.

  13. Se aggiungi solo feature o righe (senza aggiornare), fai clic su Aggiungi e completa per accodare le feature o righe. Se aggiorni soltanto oppure aggiorni e aggiungi feature o righe, fai clic su Aggiorna e completa.

    La dimensione del layer e le opzioni scelte influiscono sul tempo necessario per applicare gli aggiornamenti. Al termine del processo, il feature layer aggiornato è disponibile in mappe, scene e layer WFS dipendenti, nonché in layer e viste di feature layer ospitati.

Rigenera l'indice spaziale

Gli indici spaziali migliorano le prestazioni delle interrogazioni spaziali, come le feature di disegno su una mappa o la ricerca di feature. Se l'utente o altri editor aggiungono feature al layer che si trovano al di fuori dell'estensione iniziale del layer, l'indice spaziale diventa obsoleto e potrebbe essere necessario rigenerarlo. Ad esempio, se l'hosted feature layer conteneva feature in una sola città e successivamente si aggiungono dati che aggiungono feature in tutto il paese, sarà necessario rigenerare l'indice spaziale per quel layer.

In generale, se si nota che il layer sta disegnando più lentamente del solito e si è a conoscenza del fatto che è stata aggiunta una grande quantità di feature al layer al di fuori dell'estensione iniziale, è consigliabile rigenerare l'indice spaziale. Gli indici spaziali sono definiti sul campo spaziale del feature layer.

Seguire questa procedura per rigenerare l'indice spaziale su un layer:

  1. Accedere all'organizzazione come proprietario del Feature Layer hosted o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Fare clic sulla scheda Impostazioni.
  4. Scorrere fino alla sezione Gestisci indici.
  5. Assicurarsi che la scheda Indici spaziali sia selezionata e fare clic su Rigenera indici.
  6. Selezionare la casella accanto al sublayer per il quale si desidera ricreare l'indice spaziale e fare clic su Rigenera.

    Nota:

    Mentre ArcGIS Online ricrea l'indice spaziale, gli utenti del layer noteranno probabilmente delle prestazioni più lente. Se possibile, rigenerare gli indici spaziali quando il layer non è in uso.

Aggiungere indici ai campi di attributo

Gli indici possono ridurre il tempo necessario alle interrogazioni, come le ricerche o i filtri, per trovare i dati richiesti.

Se ci si rende conto che occorre molto tempo per ottenere i risultati quando si filtra o si applica una definizione basata sugli attributi non spaziali di una tabella o di un layer, è possibile aggiungere un indice al campo o ai campi per migliorare le prestazioni dell'interrogazione.

È possibile aggiungere indici di attributo a qualsiasi tipo di campo cheArcGIS Online supporta. Se i filtri o le definizioni devono trovare parole o frasi specifiche in un campo stringa, è possibile aggiungere un indice a testo completo.

Se gli utenti effettuano ricerche o interrogazioni su un singolo campo alla volta, definire un indice per quel singolo campo. Se una singola ricerca o interrogazione viene eseguita su più campi, è possibile definire un indice su tutti i campi sottoposti a interrogazione frequente insieme.

Non è consigliabile aggiungere indici ai campi la cui modifica è frequente, in quanto l'aggiornamento di un campo su cui è stato definito un indice può richiedere più tempo. Non ha inoltre senso aggiungere un indice per i campi per i quali nessuno effettuerà un'interrogazione.

Aggiungere un indice di attributo

Seguire questi passaggi per aggiungere un indice di attributo a uno o più campi di un layer o di una tabella in un hosted feature layer:

  1. Accedere all'organizzazione come proprietario del Feature Layer hosted o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Fare clic sulla scheda Impostazioni.
  4. Scorrere fino alla sezione Gestisci indici.
  5. Fare clic sulla scheda Indici di campo.
  6. Scegliere Attributo e fare clic su Avanti.
  7. Selezionare il sublayer o tabella a cui aggiungere l'indice.
  8. Selezionare il campo a cui verrà aggiunto l'indice di attributo e fare clic su Aggiungi all'elenco.

    Per definire un indice che include più campi, selezionare il campo aggiuntivo e fare nuovamente clic su Aggiungi all'elenco.

    È possibile includere fino a 16 campi in un indice di attributo Un indice definito su più campi è utile per le interrogazioni che interrogano tutti i campi in una sola volta.

  9. In quasi tutti i casi, lasciare impostata l'opzione Ordinamento crescente.

    Se le interrogazioni eseguite sui campi sono interrogazioni con ordinamento decrescente, occorre creare un indice con ordinamento decrescente.

  10. Se il campo a cui si sta aggiungendo l'indice contiene valori univoci e conterrà sempre valori univoci, selezionare la casella accanto a I valori dei campi sono univoci per creare un indice univoco.

    Se nell'indice sono presenti più campi, la combinazione di valori tra i campi multipli deve essere univoca nell'ipotesi in cui venga selezionata la casella di controllo I valori dei campi sono univoci. Finché uno dei campi multipli contiene valori univoci, la combinazione di valori tra tutti i campi dell'indice sarà univoca.

  11. Fare clic su Crea indice.

    La quantità di tempo impiegata per creare l'indice dipende da quanti attributi o righe sono presenti nel layer o tabella.

L'indice viene creato e compare nell'elenco degli indici nella scheda Indici di campo.

Aggiungere un indice di testo completo ai campi di attributo delle stringhe

Seguire questi passaggi per aggiungere un indice di testo completo a un campo stringa in un layer o in una tabella in un hosted feature layer:

  1. Accedere all'organizzazione come proprietario del Feature Layer hosted o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Fare clic sulla scheda Impostazioni.
  4. Scorrere fino alla sezione Gestisci indici.
  5. Fare clic sulla scheda Indici di campo.
  6. Scegliere Testo completo e fare clic su Avanti.
  7. Selezionare il sublayer o tabella a cui aggiungere l'indice.
  8. Selezionare il campo stringa a cui verrà aggiunto l'indice di testo completo e fare clic su Aggiungi all'elenco.

    Il campo specificato può partecipare a un solo indice.

  9. Fare clic su Crea indice.

    La quantità di tempo impiegata per creare l'indice dipende da quanti attributi o righe sono presenti nel layer o tabella.

L'indice viene creato e compare nell'elenco degli indici nella scheda Indici di campo.

Eliminare gli indici di attributo o di testo completo

Se si constata che l'indice aggiunto non ha migliorato le prestazioni dell'interrogazione o, peggio ancora, le ha compromesse, è possibile eliminare l'indice.

È inoltre possibile eliminare un indice qualora si decidesse di aver bisogno di un indice con una definizione diversa; ad esempio, si desidera aggiungere un campo all'indice perché due campi vengono frequentemente interrogati insieme. In questo caso, occorre eliminare l'indice esistente e creare un altro indice che includa tutti i campi necessari nell'indice.

Nota:

Anche altre azioni eseguite sui dati al di fuori di questa interfaccia creano indici. Ad esempio, quando si configura la ricerca dei contenuti di una mappa web, vengono creati degli indici sui layer della mappa web. Allo stesso modo, quando si aggiunge un filtro a un layer in una mappa web, Map Viewer aggiunge un indice ai campi del layer.

ArcGIS Online crea anche indici sui campi di tracciamento dell'editor, l'ID oggetto e l'ID feature del layer. L'operazione di eliminazione non è disponibile per questi indici.

Seguire questi passaggi per eliminare un attributo o un indice di testo completo da un layer o da una tabella in un hosted feature layer:

  1. Accedere all'organizzazione come proprietario del Feature Layer hosted o come amministratore.
  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Fare clic sulla scheda Impostazioni.
  4. Scorrere fino alla sezione Gestisci indici.
  5. Fare clic sulla scheda Indici di campo.
  6. Selezionare il layer o la tabella da cui rimuovere l'indice.
  7. Fare clic sul pulsante Elimina Elimina accanto all'indice per rimuoverlo dal layer o dalla tabella.

Modificare il valore z predefinito

Quando si crea un feature layer ospitato in ArcGIS Online che ha i valori z abilitati, questi vengono impostati su 0 per impostazione predefinita. Quando si pubblicano dati da ArcGIS Pro che hanno valori z si può specificare un valore predefinito diverso. In entrambi i casi, è possibile alterare il valore z predefinito per ogni sublayer in un feature layer ospitato dalla pagina dei dettagli dell'elemento del sublayer.

  1. Accedi all'organizzazione.

    Per aggiornare il valore z predefinito devi essere il proprietario del layer, un amministratore dell'organizzazione o un membro di un gruppo di aggiornamento condiviso con cui è stato condiviso il feature layer.

  2. Aprire la pagina dei dettagli dell'elemento del feature layer ospitato.
  3. Sulla scheda Panoramica fare clic sul sublayer per aprire la relativa pagina dei dettagli.
  4. Nella sezione Opzioni di geometria, fare clic sul pulsante Modifica Modifica e digitare un nuovo valore z predefinito.

    Opzioni di geometria per un sublayer

    I valori z devono essere forniti nelle unità che sono utilizzate dal feature service. Le unità sono mostrate tra parentesi. Nell'esempio precedente le unità sono in gradi decimali (dd).

    Il valore z predefinito può essere modificato solo se i valori z sono abilitati per il sublayer. Non è possibile abilitare i valori z per un sublayer se non erano presenti quando il feature layer ospitato è stato creato.

  5. Fare clic su Salva.

Argomenti correlati