Azioni

Grazie ai vari elementi disponibili di visualizzazione dei dati, le dashboard informano l'utente finale a prima vista. Nella sua configurazione predefinita, le informazioni visualizzate da una dashboard cambiano solo quando si aggiornano i dati sottostanti. Per fornire un'esperienza più interattiva e coinvolgente, è possibile configurare le azioni nelle dashboard. Le azioni consentono di conferire alle dashboard un contesto più mirato.

Le azioni descrivono ciò che accade quando i parametri URL della dashboard cambiano o quando un utente finale interagisce con gli elementi della dashboard. Le azioni sono avviate da eventi ed esistono tre tipi di eventi supportati: modifica dei parametri URL, modifica dell'estensione mappa e modifica della selezione. La dashboard e molti dei suoi elementi supportano eventi diversi (e alcuni elementi non supportano nessun evento). La seguente tabella elenca le origini degli eventi e gli eventi supportati. Le origini degli eventi includono selettori. Questi sono elementi della dashboard che consentono di aumentare ulteriormente le capacità interattive di una dashboard. Per ulteriori dettagli, vedere Selettori.

Origine eventoModifica parametri URL Modifica estensione mappa Modifica selezione

Dashboard

Y

Mappa

Y

Layer operativo da una mappa

Y

Elenco

Y

Grafico seriale

Y

Grafico a torta

Y

Selettore categoria

Y

Selettore numero

Y

Selettore data

Y

Suggerimento:

  • Assegnare sempre agli elementi della dashboard un nome univoco e significativo nella scheda Generale. Ciò si rivela utile quando si configurano le azioni.
  • Finire di aggiungere elementi e rifinire visivamente una dashboard prima di configurare le azioni.

Le azioni hanno un'origine e una destinazione. L'origine di un'azione può essere la dashboard o uno dei suoi elementi. La destinazione di un'azione è sempre uno degli elementi della dashboard. Se l'origine e la destinazione si basano su origini dati diverse, è necessario definire la relazione tra tali origini. Tale relazione può essere di attributo o spaziale. In una relazione di attributo, si usa un campo o un valore dall'elemento di origine in modo che corrisponda ai valori del campo dell'elemento di destinazione. In una relazione spaziale, si usano le geometrie delle feature dell'elemento di origine per intersecare le geometrie dell'elemento di destinazione.

Nota:

Se l'origine e la destinazione si basano sulla stessa origine di dati, non è necessario adottare nessuna misura per definire la loro relazione.

Sono supportate le seguenti azioni:

  • Filtro: riduce il numero di feature disponibili all'elemento di destinazione o layer operativo durante il rendering
  • Imposta estensione: imposta l'estensione di un elemento della mappa di destinazione
  • Lampeggia posizione: fa lampeggiare una posizione geografica su un elemento della mappa di destinazione
  • Zoom: consente di effettuare lo zoom su una posizione specifica di un elemento della mappa di destinazione
  • Panoramica: consente di effettuare una panoramica di un elemento della mappa di destinazione in modo da centrare una posizione specifica
  • Mostra popup: consente di visualizzare una finestra delle informazioni su un elemento della mappa di destinazione
  • Segui feature: esegue una panoramica degli elementi della mappa di destinazione in modo che restino centrati su una feature specifica. È possibile seguire una sola feature per volta.

La seguente tabella riepiloga quale può essere l'origine delle azioni e quali le destinazioni. Alcuni elementi della dashboard, come la legenda di una mappa e RTF, non possono essere né l'origine né la destinazione di un'azione e non sono elencati qui.

Elemento della dashboard Origine dell'azione Destinazione dell'azione

Dashboard

Y

Mappa

Y

Y

Layer operativo della mappa

Y

Y

Grafico seriale

Y

Y

Grafico a torta

Y

Y

Indicatore

Y

Indicatore di livello

Y

Elenco

Y

Y

Dettagli

Y

Contenuti integrati

Y

Selettore categoria

Y

Y

Selettore numero

Y

Y

Selettore data

Y

Nota:

  • L'azione di Mostra popup è disponibile per un elemento solo quando è configurato in modo da mostrare feature e la sua origine dati rappresenta un layer operativo da una mappa già aggiunta alla dashboard. Quando si configura Mostra popup, come sua destinazione viene automaticamente selezionata la mappa da cui proviene l'origine dati dell'elemento.
  • Segui feature è disponibile per un elemento solo quando è configurato in modo da mostrare feature e la sua origine dati rappresenta un layer operativo da una mappa già aggiunta alla dashboard. Inoltre, l'origine dati deve presentare geometrie punto, nonché l'intervallo di aggiornamento impostato. Quando si configura Segui feature, come sua destinazione viene automaticamente selezionata la mappa da cui proviene l'origine dati dell'elemento.
  • Quando si attiva Segui feature, gli strumenti appaiono nell'angolo in alto a sinistra dell'elemento della mappa di destinazione. Questi consentono all'utente finale di controllare vari aspetti dell'azione del seguire (ad esempio, pausa e riprendi, mostra finestra info e annulla).
  • Quando si sta seguendo una feature su una mappa, tale azione si interromperà se si esegue una panoramica o uno zoom. Sarà necessario riavviarla utilizzando gli strumenti nell'angolo in alto a sinistra.

Per maggiori informazioni, consultare Configurare le azioni sugli elementi della dashboard e Configurare le azioni sui parametri URL.


In questo argomento